Company Logo

Facebook Twitter Google+ YoTube Instagram 


Interviste di Morgan

Articoli su Morgan

Report Live di Morgan

Articoli sugli Album di Morgan

Interviste ed Interventi Radio di Morgan

Articoli ed Interviste di InArteMorgan.it

comunicati

 

01-04-1998 . ? - Milano
Live report di Davide Baroncelli, 01/04/1998

Fonte: www.rockit.it/articolo/16184/bluvertigo-milano

 

 

Mi ero ripromesso di non andare più ad un loro concerto, dopo il pacco del Binariozero, ma sapevo che alle Scimmie non c'è la consumazione obbligatoria, quindi... Comunque, le Scimmie sono di certo l'ultimo posto, dove mi aspettavo di vedere i Bluvertigo. Morgan si rende conto di essere in uno dei templi del jazz milanese e, con il suo solito stile, decide di non farsi intimorire e di prenderla sul ridere dicendo che sarà una serata "jazz". Non si capisce bene se prenda per il culo il mondo del jazz o se stesso (giudicate voi qual'è l'ipotesi più probabile...); ad ogni modo è chiaro fin dall'inizio che non sarà così.

Il concerto comincia con solo mezz'ora di ritardo, ma è Mauro Pagani con il suo gruppo a suonare. Tutti pensano che sia un pesce d'Aprile, ma la presenza dei quattro bei tenebrosi in sala lascia pensare che presto metteranno fine all'esibizione del glorioso polistrumentista il quale propone per una mezz'oretta una sfilza di banalità rock senza infamia e senza lode (soprattutto senza lode), e si riscatta sul finale suonando "Creuza de ma". Morgan, a richiesta, mi dice che suoneranno qualcosa di "diverso" dal solito: in particolare, dice, faranno "improvvisazione psichedelica".

Infine salgono sul palco e si capisce che ilconcerto sarà all'insegna del disimpegno. Morgan e Livio suonano da seduti, ed i suoni sono un po' dimessi (il tutto sa un po' di "unplugged"), ma tutto sommato è un bene, perché almeno si distingue ciò che suonano e non saltano i timpani come al binariozero. Solo le tastiere sparano un po', ma nel complesso va tutto benissimo (considerato che alle scimmie NON c'è posto per il mixerista). Comincia il concerto, i BV suonano "vertigoblu", poi "le arti dei miscugli", seguita da "Cieli neri" e da un pezzo in inglese che, ahimé, non conosco (forse è qualcosa di Bowie).

Io, nel frattempo, mi domando dove sia l'improvvisazione psichedelica, mentre parte "l'odio". A metà canzone comincia il colloquio con il pubblico: "quali sono i generi che detestate di più"? Un po' di casino e poi Morgan sintetizza "noi odiamo il walzer ed il liscio in generale", ed attaccano con un esilarante walzer (con andy al sax) in stile "sagra dello gnocco". Il gioco piace, ed allora lasciano andare un po' le briglie: si arriva ad uno sfottò dell'hip-hop ("vi faccio un testo hip-hop, ora... bella lì... ci sto dentro... ce n'è... ah sì, poi si autocitano... Bluvertigo nella casa...") il tutto è un po' pecoreccio ma molto divertente, si susseguono vari accenni di pezzi famosi incastrati al volo (un famoso hit disco anni 70 di cui ora come ora non ricordo il nome, poi Notorius dei Duran Duran), per poi ritornare all'odio. Segue un altro pezzo che non conosco (la butto lì, saraà stato "god's monkey" di Silvian/Fripp?), poi Complicità, Girls & boys dei Blur. Fin qui improvvisazione poca, psichedelia niente. Ma comincia "altre f.d.v", che per quanto sia meno carica di elettronica del solito, è abbastanza coinvolgente (il pubblico è abbastanza caldo, la temperatura delle scimmie molto di più, a causa dell'assenza di sistemi di ventilazione...). Dopo un andamento prevedibile... finalmente la psichedelia, che ovviamente suona un po' come gli esperimenti dei pink floyd dei primi anni '70. Non male, per un patito come me, tutto già sentito, ma il bello dei bluvertigo è il gusto del ripescaggio, chissà se un giorno su un tessuto simile avranno il coraggio di farci una canzone. Il concerto continua, suonano "heroes" di Bowie, poi rimangono sul palco solo Andy e Morgan e si uniscono a loro gli elementi del gruppo di Mauro Pagani (il quale, a proposito, ha lavorato da guastatore fino a questo punto, come al solito facendo finta avanguardia suonando a caso sui pezzi). Suonano un pezzo prog che non conosco, forse di Pagani, ma lo tirano MOLTO in lungo (considerato che son due accordi) e comincia a farsi tardi. L'atmosfera si fa un po' scazzata, molto distesa, ma io non reggo più, sono le due... Resisto fino a sentire "the long and winding road" (in cui, mi dicono, Morgan canta le strofe in un ordine qualunque e sbagliucchiando il testo...) poi me ne vado. Sono graditi contributi per la fine del concerto! Nel complesso il tutto è stato "carino", direi: un concerto simpatico, abbastanza energico, un po' inadatto al luogo (soprattutto quando con Pagani si mettono a suonare "take five" di Brubeck per "fare jazz", veramente pietoso per un amante del genere, soprattutto Andy che si incarta su uno pseudo assolo elettronico al cui confronto i riff di tastiera dei depeche mode erano Rachmaninov...) ma molto efficace, e piacevole. Sette più!

 

Intervista a Morgan

 

Castelfranco di Sotto (PI)
di Alessandro Pollio 28/02/1998

Fonte: www.rockit.it/band/allarticoli.php?x=108

 

Dopo un grande concerto, Morgan, leader e cantante del gruppo, si concede alle domande di Rockit...

Rockit: Domanda di routine: quali sono le tue influenze musicali e cosa consiglieresti ai lettori di Rockit?

Morgan: Consiglierei innanzitutto l'ascolto di alcuna musica classica che trovo da un punto di vista espressivo un mezzo molto potente, raggiungendo talvolta delle vette superiori al rock e al punk. Nella fattispecie Bach, Beethoven, sonate e sinfonie, Wagner, Tristano e Isotta, ...ci sono un sacco di cose di musica classica che gli amanti del rock potrebbero apprezzare. Per quanto riguarda il rock consiglierei l'ascolto di rock contaminato, quindi non dogmatico: territori di confine come Bowie, King Crimson, Talking Heads, Japan. Questi sono quelli che piacciono a me particolarmente, poi ci sono un sacco di altre belle cose come Stereolab, ...alcune cose dei Blur, mi piacciono più degli Oasis, e così via. Le influenze musicali sono state degli anni '80 perché è l'epoca in cui sono cresciuto e sono stato particolarmente attento.

Rockit: La scena musicale italiana pullula di gruppi che vengono spesso definiti in maniera riduttiva "alternativi". Sono cambiati i gusti del pubblico o è una diversa manovra delle case discografiche?

Morgan: Le case discografiche si adeguano a quello che la gente vuole e poi tentano di reinterpretarlo creando dei prodotti un po' fasulli, un po' costruiti. Diciamo che il rock italiano è sempre stato piuttosto imitatore, poco azzardato; un po' per colpa dei musicisti, un po' per colpa della discografia che in Italia non è mai stata specialistica, ma "parastatale". Non dimentichiamoci che la musica italiana è la musica del mandolino e della pizza e questa deve rimanere; voglio dire, in Grecia si fa molta musica rock, ma quella tradizionale è il Sirtaki. Ma ciò non vuol dire nulla, altrimenti gli inglesi dovrebbero suonare la cornamusa e gli americani fare solo country. Visto che così non è, cioè io posso ascoltare la radio, guardare MTV, comprare i dischi degli Spiritualized proprio come uno di Londra, evidentemente sta a me fare della musica di rottura, devo essere originale, creare un terreno di base su cui poggiare.

Rockit: Il rapporto dei Bluvertigo con Internet

Morgan: E' come chiedere quello con la televisione o col telefono: come tutti i rapporti è un conflitto.

Rockit: La critica vi definisce molto spesso eclettici e qualche volta privi di uno stile preciso: qual è il vostro atteggiamento a riguardo?

Morgan: Lo stile è nell'anima delle persone: evidentemente se una persona come me e come gli altri ragazzi ha urgenza di fare musica, la fa attraverso il filtro della propria personalità, che indubbiamente esiste. Quindi se non si riesce a comprenderlo è perché queste persone hanno un universo molto ristretto.

Rockit: Qualche tempo fa voi indiceste un campagna d'odio contro Red Ronnie: come è andata a finire?

Morgan: Noi non l'abbiamo fatto assolutamente per creare uno scoop: abbiamo seguito i nostri rumori, i nostri turbamenti, siamo sempre pronti ad un nuovo confronto. Diciamo che non pratichiamo le cose che ci annoiano!

Rockit: Antonella Ruggiero, Scisma e altre collaborazioni: come la vedi questa fratellanza fra i nuovi gruppi italiani?

Morgan: La vedo molto male: io sono un individualista, non egoista, generoso però individualista: credo nelle forza dell'individuo. Spesso mi dà molta più soddisfazione collaborare con una persona che esce dal mio campo perché mi dà degli stimoli che posso trasformare secondo il mio linguaggio. Fra musicisti è troppo competitivo, ho trovato poca gente che ha voglia di imparare, di scambiare realmente; preferisco frequentare poeti, pittori, registi, comunque sempre artisti perché ho una grande stima delle persone che creano, che cercano un miglioramento producendo, tirando fuori da sé le cose (che penso sia l'atteggiamento di maggior chiarezza nei confronti della vita)

Rockit: Hai preferenze per quanto riguarda queste ultime categorie che hai citato?

Morgan: Il cinema è un'arte che amo profondamente: a me piace molto Nanni Moretti e non a caso è una persona molto criticata, spesso attaccato dai più perché sembra presuntuoso, sembra altezzoso e snob: lo è, ha dei buoni motivi per esserlo; è troppo logico quello che fa, è inconfutabile.

Rockit: Progetti per il futuro?

Morgan: Il terzo capitolo della trilogia chimica, che finalmente mi libererà...

Rockit: perché dici mi libererà?

Morgan: Perché come tutte le cose che nascono come un'intuizione, passano attraverso la pratica per distruggersi. In progetto poi c'è l'uscita di un disco che io sto producendo dei Soerba, musica elettronica di altissima sperimentazione linguistica, sia come testo che nell'utilizzo di strutture molto chiare formalmente al livello di canzone, ed una precisa idea del suono. Quindi un duo elettronico che ha delle idee molto chiare, io non ho mai visto idee più chiare: trovo che derivino da quello che ho fatto io con i miei dischi ed è giusto che io serva a loro nelle misura in cui loro un giorno serviranno a me. Sto lavorando con Battiato per l'uscita del suo nuovo album che è previta per settembre e poi c'è la tournè con i Bluvertigo che continuerà fino a fine Agosto.

Rockit: Un qualche consiglio ai lettori di Rockit, di qualsiasi genere...

Morgan: Conservare bottiglie vuote. (n.d.r. frase di Woody Allen)

 

 

Intervista ai Bluvertigo effettuata il 28/02/98 all'Easy Rider di Castelfranco di sotto, Pisa.

Dopo un grande concerto, Morgan, leader e cantante del gruppo, si concede alle domande di Rockit...

Rockit: Domanda di routine: quali sono le tue influenze musicali e cosa consiglieresti ai lettori di Rockit?
Morgan: Consiglierei innanzitutto l'ascolto di alcuna musica classica che trovo da un punto di vista espressivo un mezzo molto potente, raggiungendo talvolta delle vette superiori al rock e al punk. Nella fattispecie Bach, Beethoven, sonate e sinfonie, Wagner, Tristano e Isotta, ...ci sono un sacco di cose di musica classica che gli amanti del rock potrebbero apprezzare. Per quanto riguarda il rock consiglierei l'ascolto di rock contaminato, quindi non dogmatico: territori di confine come Bowie, King Crimson, Talking Heads, Japan. Questi sono quelli che piacciono a me particolarmente, poi ci sono un sacco di altre belle cose come Stereolab, ...alcune cose dei Blur, mi piacciono più degli Oasis, e così via. Le influenze musicali sono state degli anni '80 perché è l'epoca in cui sono cresciuto e sono stato particolarmente attento.

Rockit: La scena musicale italiana pullula di gruppi che vengono spesso definiti in maniera riduttiva "alternativi". Sono cambiati i gusti del pubblico o è una diversa manovra delle case discografiche?
Morgan: Le case discografiche si adeguano a quello che la gente vuole e poi tentano di reinterpretarlo creando dei prodotti un po' fasulli, un po' costruiti. Diciamo che il rock italiano è sempre stato piuttosto imitatore, poco azzardato; un po' per colpa dei musicisti, un po' per colpa della discografia che in Italia non è mai stata specialistica, ma "parastatale". Non dimentichiamoci che la musica italiana è la musica del mandolino e della pizza e questa deve rimanere; voglio dire, in Grecia si fa molta musica rock, ma quella tradizionale è il Sirtaki. Ma ciò non vuol dire nulla, altrimenti gli inglesi dovrebbero suonare la cornamusa e gli americani fare solo country. Visto che così non è, cioè io posso ascoltare la radio, guardare MTV, comprare i dischi degli Spiritualized proprio come uno di Londra, evidentemente sta a me fare della musica di rottura, devo essere originale, creare un terreno di base su cui poggiare.

Rockit: Il rapporto dei Bluvertigo con Internet
Morgan: E' come chiedere quello con la televisione o col telefono: come tutti i rapporti è un conflitto.

Rockit: La critica vi definisce molto spesso eclettici e qualche volta privi di uno stile preciso: qual è il vostro atteggiamento a riguardo?
Morgan: Lo stile è nell'anima delle persone: evidentemente se una persona come me e come gli altri ragazzi ha urgenza di fare musica, la fa attraverso il filtro della propria personalità, che indubbiamente esiste. Quindi se non si riesce a comprenderlo è perché queste persone hanno un universo molto ristretto.

Rockit: Qualche tempo fa voi indiceste un campagna d'odio contro Red Ronnie: come è andata a finire?
Morgan: Noi non l'abbiamo fatto assolutamente per creare uno scoop: abbiamo seguito i nostri rumori, i nostri turbamenti, siamo sempre pronti ad un nuovo confronto. Diciamo che non pratichiamo le cose che ci annoiano!

Rockit: Antonella Ruggiero, Scisma e altre collaborazioni: come la vedi questa fratellanza fra i nuovi gruppi italiani?
Morgan: La vedo molto male: io sono un individualista, non egoista, generoso però individualista: credo nelle forza dell'individuo. Spesso mi dà molta più soddisfazione collaborare con una persona che esce dal mio campo perché mi dà degli stimoli che posso trasformare secondo il mio linguaggio. Fra musicisti è troppo competitivo, ho trovato poca gente che ha voglia di imparare, di scambiare realmente; preferisco frequentare poeti, pittori, registi, comunque sempre artisti perché ho una grande stima delle persone che creano, che cercano un miglioramento producendo, tirando fuori da sé le cose (che penso sia l'atteggiamento di maggior chiarezza nei confronti della vita).

Rockit: Hai preferenze per quanto riguarda queste ultime categorie che hai citato?
Morgan: Il cinema è un'arte che amo profondamente: a me piace molto Nanni Moretti e non a caso è una persona molto criticata, spesso attaccato dai più perché sembra presuntuoso, sembra altezzoso e snob: lo è, ha dei buoni motivi per esserlo; è troppo logico quello che fa, è inconfutabile.

Rockit: Progetti per il futuro?
Morgan: Il terzo capitolo della trilogia chimica, che finalmente mi libererà...

Rockit: Perché dici mi libererà?
Morgan: Perché come tutte le cose che nascono come un'intuizione, passano attraverso la pratica per distruggersi. In progetto poi c'è l'uscita di un disco che io sto producendo dei Soerba, musica elettronica di altissima sperimentazione linguistica, sia come testo che nell'utilizzo di strutture molto chiare formalmente al livello di canzone, ed una precisa idea del suono. Quindi un duo elettronico che ha delle idee molto chiare, io non ho mai visto idee più chiare: trovo che derivino da quello che ho fatto io con i miei dischi ed è giusto che io serva a loro nelle misura in cui loro un giorno serviranno a me. Sto lavorando con Battiato per l'uscita del suo nuovo album che è previta per settembre e poi c'è la tournè con i Bluvertigo che continuerà fino a fine Agosto.

Rockit: Un qualche consiglio ai lettori di Rockit, di qualsiasi genere...
Morgan: Conservare bottiglie vuote. (n.d.r. frase di Woody Allen)

a cura di Alessandro Pollio

Fonte: http://web.tiscali.it/vertigoblu


Bergamo, 07/07/1997
di Davide Sapienza

Questo articolo ci è stato offerto da Renato Zanotti che cura la fanzine 360 gradi che è bimestrale e che esce a Bergamo, se volete contattare Renato ecco la sua mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

“Io faccio la musica che vorrei sentire da altri. Ho un ideale di musica, un ideale estetico, formale e sostanziale, che non è politico e sociologico. Non capisco il punk per quel tipo di attitudine antiartistica e anche se vedo un senso negli esperimenti dadaisti e li apprezzo, credo che dopo aver negato l’arte si può solo ricominciare. Evita di negarla, non perdere tempo… Ricomincia direttamente da una base…”. Così parlò Marco Morgan Castoldi, bassista, cantante e autore dei Bluvertigo, gruppo estremamente interessante giunto al secondo album con Metallo non metallo, disco che ha saputo dividere nettamente la critica nostrana. E perché una via di mezzo non esista nel giudicare ciò che Castoldi e soci sanno produrre (basti riascoltare l’ottimo Acidi e basi di due anni fa) è facile capirlo se provate a intrattenere una discussione con il vulcanico e divertente Morgan.

E per quanto ognuno abbia il diritto di pensare ciò che crede, quello che i Bluvertigo stanno facendo oggi è comunque il frutto di talento, volontà, visione e di una conoscenza che ha ben pochi termini di paragone nella musica italiana. Per questo alla fine, ne sono certo, il loro nome finirà per muovere un mercato decisamente superiore a quello nel quale si sono per forza di cose mossi sino a oggi.

Buscadero: Perché secondo te in Italia, per un musicista italiano, sino a oggi è molto più facile trovare consensi per i testi che per una reale capacità musicale?

Morgan: Credo che questo problema legato al rapporto testi e musiche forse lo dobbiamo ai nostri splendidi cantautori, che dovevano avere testi importanti per far capire che quella era la loro ricerca finendo così per trascurare, volenti o nolenti, l’aspetto musicale. Tutti sanno che a Guccini interessano più i testi della musica e tutti i nomi che hanno reso importante la musica italiana non hanno avuto altrettanto riguardo per la parte compositiva. Oggi è diverso, finalmente il rock che si fa in Italia dà importanza ai testi ma anche e soprattutto alla musica.

B: E tu da cosa hai iniziato? Perché hai scelto questa strada?

M: Essendo un figlio non cercato, i miei da un lato mi hanno dato tanti vizi ma dall’altro mi hanno trascurato cercando di trovare qualcosa di sostitutivo; spesso mi ritrovavo a casa, sin da quando ero piccolissimo, con un mangiadischi e dei 45 giri. Ballavo, mettevo dischi e ascoltavo mia madre che suonava il piano. Ecco perché non ricordo di aver mai iniziato: in pratica ho sempre suonato, ho sempre avuto una propensione al ballo, all’intrattenimento dei parenti e alla realizzazione di spettacolini casalinghi. A otto anni cercarono di farmi studiare chitarra ma a parte il fatto che ero mancino, per me la musica era mettere dischi, ascoltare e ballare, dunque l’esperimento fallì. Poi cominciai ad ascoltare il pop, il rock, Bob Marley, Dire Straits, Beatles, tutto quello che girava in casa e che piaceva a mio padre. A un certo punto manifestai il desiderio di avere un sintetizzatore, così quando ottenni una tastiera elettronica, un MK 900, sperimentai gli accordi tipici della musica occidentale, quelli de La Bamba e Twist and Shout. Studiando armonia scoprii che queste funzioni fondamentali della musica si possono ricondurre anche a Chopin, per cui è una cosa insita nella cultura dell’uomo occidentale. Tentando di fare delle cose mie facevo una sintesi di quello che sentivo, per cui mi piacevano solo quegli accordi: DO FA e SOL e il resto per me erano solo variazioni sul tema (ride). Poi scoprii il LA minore, una nota triste e la mia ottica cambiò completamente. Da ragazzino, ascoltando Wild Boys dei Duran Duran, scoprii la modulazione, cioè il passaggio che esiste tra due momenti diversi di una canzone. Quando afferrai il conetto di tonalità il resto venne da solo. Iniziai a scrivere canzoni mie in inglese e lo feci sino al 1991 circa. Anche se solo di recente ho davvero capito il senso dell’armonia, già allora avevo intuito che il centro di tutto stava proprio nel saper inquadrare una canzone armonicamente.

B: Credo che nella musica dei Bluvertigo si capisca che tu sei prima un musicista e poi un cantante. Tu come ti vedi?

M: E’ vero, io canto per necessità visto che le cose che scrivo sono talmente personali e egocentriche da non avere credibilità se interpretate da altri. Non è che io canti cose particolarmente difficili, anzi devo dire che non c’è molta estensione e che spesso declamo i miei testi per dargli una forza anche ironica. Mi dicono che i testi sono arroganti ma per me non lo sono: Nanni Moretti sta sulle palle a tanta gente per un fatto epidermico, perché sembra dittatoriale. Se però vai a chiedere a uno il perché, non te lo sa dire razionalmente. Mi dicono che parlo troppo di me ma in realtà nei miei testi c’è solo tanta voglia di conoscermi.

B: Nei dischi ci sono parecchi richiami all’adolescenza: dai tre giorni di Fuori dal tempo alla ribellione verso i valori preconfezionati della famiglia, della religione e della scuola di Salvaluomo che c’era su Acidi e basi. Ma c’è anche dell’altro, il senso dei rapporti umani in L.S.D. e la ricerca di qualcosa di più alto di Altre forme di vitaIl Nucleo. Cosa vai cercando?

M: Prima di morire, devo sapere chi sono, vorrei capire cosa ci faccio qui. Devo conoscermi e per farlo utilizzo le forme nelle quali mi esprimo meglio. Di questo senso intellettuale da dare alla vita devo anche ringraziare i miei genitori, due persone stimolanti che mi hanno sempre abituato a non dare niente per scontato e a mettere tutto in discussione prima di accettarlo. Da loro ho imparato ad amare i contrasti e le cose forti, belle e per questo anche il cinema mi è sempre piaciuto. Il primo film che mi folgorò fu La donna che visse due volte di Hitchcock.

B: Molte tue canzoni sembrano essere repliche a qualcosa, personaggi che tu incarni e utilizzi per rispondere: prima sei L’eretico e dopo sei quello di Vivosunamela. Poi eccoti pronto a parlare di cose più filosofiche in (Le arti dei) miscugli. Come ti muovi tra gli estremi?

M: C’è un conflitto che non vedo ancora chiaramente. Quando è morto mio padre avevo sedici anni. In quel momento c’è stato un grande flusso di vitalità: sotto il profilo psicanalitico, e questo c’è in Troppe emozioni, il senso di colpa viene sentito come una liberazione. In ogni cosa c’è del bene e del male. Io ho cercato di trarre da questo avvenimento un motivo in più per vivere e di trovare questa motivazione nella mia musica. Acidi e basi, come album rappresenta il conflitto, l’adolescenza, l’amore. Mi sembrava evocativo prendere termini chimici così evocativi e metterli in un altro contesto per cui scelsi quel titolo per riassumere quel periodo.

B: Che importanza dai all’immagine visto che le vostre foto sembrano voler comunicare qualcosa di preciso?

M: I personaggi che hanno sfruttato bene l’immagine di se stessi mi interessano molto, sono affascinanti e mi permettono più facilmente di andare verso di loro perché sono come stelle che luccicano, le guardi. Farsi notare, secondo me, è una cosa positiva. Apprezzo le persone che si fanno notare e mi piacciono più di quelle che non lo fanno perché “non amo chi tace e acconsente“, come dico in Fuori dal tempo. Se vuoi fare uno sforzo verso l’esterno lo puoi fare con la parola, con un vestito, con un videoclip. Ecco perché mi fa incazzare la retorica del cantante che non ha l’immagine, è un concetto sorpassato. Bruce Springsteen in maglietta e jeans era la stessa identica cosa dei Duran Duran pettinati bene, andava solo capito; si trattava di due sforzi diversi ma il senso era lo stesso. L’immagine è importante e va valorizzata, deve rispecchiare quello che uno sente e che ha voglia di far passare di se stesso.

B: Dici di voler fare la musica che gli altri non fanno e che tu vorresti invece ascoltare. Come spieghi questa idea comune a molti artisti?

M: Mi piace David Bowie e mi piacciono i Beatles ma nessuno fa la musica che mi immagino, perché capisco che c’è, che ci deve essere, ancora un margine, una potenzialità; solo questo mi permette di andare avanti e in genere quello che mi piace dei musicisti che amo è quello che potrebbero fare. Di Bowie mi piace che lui, essendo l’artista che è, forse con Ashes To Ashes si avvicina all’ideale di ciò che potrebbe essere e forse non lo farà mai, pur avvicinandosi. Ovviamente lo stesso discorso vale per me, forse mi avvicinerò a quello che voglio fare ma non raggiungerò mai l’ideale che sento in testa.

B: Come inquadri due dischi così diversi come Acidi e basiMetallo non metallo rispetto alle musiche che ti immagini?

M: Molte volte mi soddisfano. Il primo è un po’ più frenetico e acido, il suono è più pulito perché sono più giovane e conosco meno la sporcizia, sono meno corrotto, forse più puro da un certo punto di vista. Metallo non metallo è il disco del distacco, del mettersi in discussione. Vedi, credo che molti coetanei siano troppo forsennati e dunque ci mettono dieci dischi per scremare e arrivare a compattare un messaggio musicale, io invece con i Bluvertigo non mi sento così. Certo, con questo disco c’è questo dubbio, l’idea che forse ci manca qualcosa ma va bene lo stesso, perché è il disco dell’insicurezza, della perdita di coscienza. L’eclettismo dell’album per me è un fatto positivo, è una cosa che predico comunque assieme all’istrionismo. Forse potrà spaventare ma il linguaggio è importante, ma il vero problema è formale perché i contenuti sono monolitici. Prova a pensare a Blob, alla presa di posizione delle immagini montate in quel modo; ha una connotazione fortemente idealistica, propone un’idea e porta avanti dei contenuti sfruttando opere d’arte altrui però non ha una linea. Accoppia il film di Hitchcock fatto ieri con il Tg di stamattina per dire una cosa: ecco, a me interessa la cosa che sta dietro, non mi fermo e anzi mi diverto perché c’è Hitchock e poi il Tg e quindi c’è varietà, mi diverte. Del resto mi piace la pizza capricciosa (ride), mi piace la molteplicità. Dopo aver finito il disco mi sono accorto che (L’arte dei) miscugli è in realtà il manifesto di tutto questo. Gli altri pezzi sono come dei cameo attorno a questo nucleo. Siccome è da poco che sto attento all’aspetto letterario, visto che prima scrivevo in inglese, mi sono reso conto che a parte i casi di Battisti e Battiato, difficilmente l’italiano suona davvero bene su certa musica pop e rock. Quel suono è tradizionalmente e forse per qualche motivo astrale fatto per l’inglese, la chitarra elettrica si sposa meglio con quella lingua. Siccome cantare in italiano è un po’ goffo dobbiamo cercare di farlo al meglio, per cui cerco di divertirmi con l’italiano visto che non riesco a essere completamente convinto. L’ironia nasce da lì. Per questo mi piace Battiato, per il suo modo di concepire la lingua italiana su una base pop che è unico al mondo e io mi sento di appartenere a quella scuola.

 

 Pubblicata su: www.rockit.it/intervista/15164/bluvertigo-bergamo-07-07-1997 il giorno 08/09/1999




Tutti i diritti sono riservati - © 2010-2013 InArteMorgan.it - Copyright. - Contattaci.