Company Logo

Facebook Twitter YoTube Instagram 


Interviste di Morgan

Articoli su Morgan

Report Live di Morgan

Articoli sugli Album di Morgan

Interviste ed Interventi Radio di Morgan

Articoli ed Interviste di InArteMorgan.it

comunicati

 


201720162015201420132012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008 -

20072006 - 2005 - 2004 - 2003 - 2002 - 2001 - 2000 - 1999 - 1998 - 1997


 

 

di Edoardo Semmola

 

In scena l’11 settembre al cimitero di San Miniato: Morgan canterà con Cristiano De Andrè, poi Lavia, Baliani, Iaia Forte e l’Ort

«Se non ho più paura della morte è merito di Fabrizio De André, dell’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters, di quella “Collina” da dove i morti ti parlano della vita, del motivo per cui si vive e si muore, del senso. Per questo non vedevo l’ora, e sono dieci anni che ci penso, di cantare queste canzoni in un cimitero monumentale». Morgan è carico a molla: l’11 settembre «mi toglierò questo sassolino dalla scarpa che dal 2005 mi fa male ogni giorno». E sarà alle Porte Sante, tra le tombe di Collodi e Spadolini, Vasco Pratolini e Ottone Rosai, nell’omaggio cantato e recitato a Masters e De André per il centenario della pubblicazione della raccolta di poesie Antologia di Spoon River. Con lui il figlio di De André, Cristiano (sperando che nel frattempo risolva i problemi di salute che gli stanno facendo rimandare alcune date), l’Orchestra della Toscana e — grazie alla collaborazione tra Estate Fiorentina e Teatro della Pergola — un terzetto di attori di prestigio: Gabriele Lavia, Marco Baliani e Iaia Forte voci recitanti delle poesie corrispondenti alle canzoni.

 

Nel 1971 un ispiratissimo De André «riuscì a traghettare come nessuno prima — prosegue Morgan — le poesie in canzoni, l'inglese in italiano, e soprattutto il mondo dei morti in quello dei vivi» realizzando quel capolavoro del cantautorato italiano che era Non al denaro, non all’amore né al cielo, tratto appunto dall’antologia di Masters: meravigliosi racconti di vita narrati dal punto di vista di personaggi sepolti in un cimitero in collina. Dieci anni fa «ho restaurato, come un filologo armato di un microscopio uditivo, e ho portato all’oggi quel disco, senza deformazioni, senza altri intenti che non fossero atti d’amore, realizzando ciò che nessuno aveva mai fatto prima nella storia della musica italiana — prosegue il cantautore Marco Castoldi — ovvero un “remake”». Un anno fa sul palco di Sanremo, al Premio Tenco, «ho coinvolto Cristiano con me nel ricordo di Fernanda Pivano, la co-traduttrice insieme a Cesare Pavese dell’edizione italiana dell’Antologia e co-autrice con De André dell’album, e ci siamo lanciati insieme a cantare Un ottico, forse il brano più complesso di tutti». Tra loro è nata «una grande amicizia, che come tutte le amicizie tra artisti è essenzialmente “di palco”». Cosa mancava? «Mi mancava di fare il tour dei cimiteri: nel 2005 dopo l’uscita del disco ci provai, non me lo fecero fare. Ora, con le Porte Sante, forse siamo all’inizio di un percorso che mi porterà a coronare questo sogno».

 

Ripensa Morgan. Ai suoi inizi: «Fabrizio De André è stato il primo cantautore che, quando ero ragazzino, mi ha fatto capire che la nostra cultura musicale aveva la sua grandezza proprio nella convivenza tra l’alto e il basso, l’intellettuale e il rivoluzionario, il colto e il popolare. Lui poteva farlo perché era contemporaneo, era “vivo” ed era il più grande traghettatore di mondi. Mi ha aperto gli occhi». Morgan e De André (figlio) canteranno le canzoni. Gli attori della Pergola leggeranno le liriche originali del poeta americano nella traduzione di Pavese. La parte musicale sarà affidata all’Ort insieme a una band diretta da Saverio Lanza, chitarrista, compositore e coautore fiorentino di Irene Grandi, Cristina Donà, Dolcenera e altri big del pop italiano. «Sento come una missione nella vita — conclude Marco Castoldi in arte Morgan — comunicare, trasmettere, tenere vivo nel presente il patrimonio immenso della canzone d’autore dei De André, Endrigo, Tenco, che altrimenti l’industria e la cultura musicale di oggi manderebbero in vacca oltre che nel dimenticatoio».

 

Fonte: corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/arte_e_cultura/16_agosto_30/spoon-river-100-anni-porte-sante-a6418cc6-6e8c-11e6-a6d4-6c8a8833d031.shtml




Tutti i diritti sono riservati - © 2010-2013 InArteMorgan.it - Copyright. - Contattaci.