Company Logo

Facebook Twitter YoTube Instagram 


Interviste di Morgan

Articoli su Morgan

Report Live di Morgan

Articoli sugli Album di Morgan

Interviste ed Interventi Radio di Morgan

Articoli ed Interviste di InArteMorgan.it

comunicati

 


201720162015201420132012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008 -

20072006 - 2005 - 2004 - 2003 - 2002 - 2001 - 2000 - 1999 - 1998 - 1997


 

 

Intervista   all’ex   solista   dei   Bluvertigo,   in   concerto   al   Majorana
Morgan: «In Italia la musica è moribonda»


Ricordi ancora il primo concerto che hai visto?

«Certo, Roberto Vecchioni nel 1978, sul lago di Como, avevo oltanto 6 anni».

Quali sono gli autori che hanno influenzato la tua carriera?

«Devo dire che gli amori musicali non sono variati con gli anni. Da piccolo mi piacevano Elvis,Marley, i Beatles, i Pink Floyd e mi piacciono tutt’ora».

Ti aspettavi maggior successo dai tuoi album?

«Sul secondo album "Metallo non metallo" mi aspettavo il Nobel, ma non è arrivato. In compenso ho avuto il "Premio Tenco". Comunque non vivo per i premi, è già un successo riuscire a farli, i dischi».

Il settore musicale in Italia è in crisi? E all'estero va meglio?

«In Italia la musica non è solo in crisi è assolutamente moribonda. Naviga in acque asciutte, senza speranza di risollevarsi».

C’è una canzone, tra le tue che preferisci?

«Ne potrei citare una, la prima canzone del disco "Zero", che si intitola proprio "Zero". Mi piace molto per il sound. Invece, a livello di testi, è ottimo l'ultimo disco, che contiene liriche molto profonde come "Le ragioni delle piogge"».

Pensi sia giusto introdurre la musica come materia obbligatoria nelle scuole superiori?

«Assolutamente si! La musica è una lingua, un modo di esprimersi. Spesso è sottovalutata, ma andrebbe usata anche come terapia per curare l’infelicità».

Quanto ha inciso nel tuo ultimo Lp l’essere diventato papà e quanto lo farà in futuro?

«Mia  figlia mi ha influenzato moltissimo. Lei ora ha tre anni e sta scoprendo il linguaggio in modo assolutamente fantastico ricco di inventiva. Gli errori di grammatica o pronuncia sono già suoni belli che io, ad esempio, non correggo. Anzi, mi ispirano».

Hai in mente album di sole cover?

«Si, mi piacerebbe e sicuramente lo farò».

Futuro da solista o con i Bluvertigo?

«Tutte e due le possibilità anzi, tutte e tre».

Qual’è la terza?

«Ce la inventiamo. Magari le colonne sonore»

Come hai già fatto?

«Si, perché la musica si può fare in molti modi, è un territorio molto vasto nel quale le possibilità sono infinite e un’incarnazione per ogni genere musicale che ascolto sarebbe davvero geniale».

Intervista di Edo Laporta

Fonte: "Giornal...mente"

Fonte: sitiurbani.org




Tutti i diritti sono riservati - © 2010-2013 InArteMorgan.it - Copyright. - Contattaci.