Company Logo

Facebook Twitter Google+ YoTube Instagram 


Interviste di Morgan

Articoli su Morgan

Report Live di Morgan

Articoli sugli Album di Morgan

Interviste ed Interventi Radio di Morgan

Articoli ed Interviste di InArteMorgan.it

comunicati

 


201720162015201420132012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008 -

20072006 - 2005 - 2004 - 2003 - 2002 - 2001 - 2000 - 1999 - 1998 - 1997


 

 

 

Cosa pensi della reazione della Chiesa riguardo al Gay Pride?
Penso che sia normale che la Chiesa reagisca così, da millenni si oppone ai moti liberatori degli individui. Quando le persone vanno al di là dei loro dettami, la Chiesa si oppone e cerca di ricondurre ad un ordine. Succede da talmente tanti secoli che non mi sono stupito. Nell’antichità, nella società più evoluta che io possa immaginare, che è quella ellenica, frequentare dei ragazzi era vista come una cosa normale, anzi, come una raffinatezza mentale, che è precedente alla nascita della Chiesa, che non può opporsi a cose che esistono da ancora prima di lei.

Faresti un "outing"?
Io detesto dire la verità in ambiti dove non si deve dire, dove anzi cercano di strumentalizzarti, come per esempio la televisione. Non credo che bisognerebbe mai scendere nel privato fino al punto di ammettere quello che si è. Quello che si è si vede guardando una persona negli occhi e non è un problema conoscere le loro abitudini. Io non mi sono mai dichiarato gay e non mi sono mai dichiarato non gay. Penso però ad un’estetica dei gay molto interessante. Sono molto innamorato di Bowie, che è stato il primo in assoluto a dire che lui lo era, almeno nell’ambito del pop. Credo che ci sia da difendere il gusto gay, il comportamento, la raffinatezza e la sensibilità dei gay, sia uomini che donne e soprattutto difendere la loro unicità e non cercare di omologare le persone.

La mia domanda nasce dal fatto che molti ragazzi trovano un aiuto nell’esempio di persone famose.
Allora ti dico che addirittura lo ammetterei senza esserlo. Se fosse di aiuto a questi ragazzi, a difendere i loro diritti, lo farei. Se c’è bisogno di fare il gay, lo faccio volentieri.

Ci sono persone che non seguono la loro natura per paura e arrivano a mentire a se stessi e a sposarsi, rovinando la vita loro e delle persone con cui vivono.
Esatto. Infatti io preferirei parlare dell’ammissione verso se stessi, non verso la società, perché non me ne frega niente di quello che la gente pensa di me, l’importante è che io sia libero di amare le persone che voglio amare. Questa è la cosa importante.


Fonte: edicolaweb.net




Tutti i diritti sono riservati - © 2010-2013 InArteMorgan.it - Copyright. - Contattaci.