Company Logo

Facebook Twitter YoTube Instagram 


Interviste di Morgan

Articoli su Morgan

Report Live di Morgan

Articoli sugli Album di Morgan

Interviste ed Interventi Radio di Morgan

Articoli ed Interviste di InArteMorgan.it

comunicati

 


20172016 - 2015 - 20142013 - 2012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008 - 2007 - 2006 - 2005 - 2004 - 2003 - 1998


 

 

di Federica Colonna
twitter
@fedecolonna

Morgan ed Elio a X Factor 5«A volte la follia sembra l’unica via per la felicità». Come è d’antan Morgan, mentre scrive con cura le parole di Altrove.  Affascinante, un po’ maledetto, schizofrenico quanto basta a farsi dire sempre sì. Più alla moda della griffe di grido, così bravo a mescolare romanticismo dal sapore antico e un certo vibrante giovanilismo in grado di resistere alla carta di identità. Insomma, Marco Castoldi è  un figo. Un figo vero, mezzo maledetto, mezzo mainstream. E ora, come capita ai veri duri, è pronto a mettere alla prova tutte le proprie abilità, confrontandole con quelle dell’anti-figo per eccellenza. L’uomo con le sopracciglia spesse come lo spazzolone per pulire il pavimento, quello che «per piacervi mi epilerei tutto il santo giorno, come le balle di un attore porno». Eccoli allora, l’uno di fronte all’altro: Elio delle Storie Tese e Morgan dei Bluvertigo d’un tempo, insieme, nemici-amici come in un cartone della Disney, fratelli coltelli come un titolo di Giorgio Bocca.

Gli autori di X Factor, veri strateghi della passione televisiva, hanno scovato i due talenti dell’anticonformismo super-pop e hanno avuto il colpo di genio: farli sedere vicino vicino al tavolone dei severissimi giudici della trasmissione, per vederli vibrare di incontinente pseudo-rivalità. Perché Morgan e Elio, oltre ad essere i vincitori indiscussi delle precedenti edizioni del programma, incarnano due storie parallele, due antropologie opposte ma in grado, contemporaneamente, di appiccicare come mosche allo schermo i telespettatori più esigenti, più alternativi. Quelli che guardano un talent show solo perché se Gramsci fosse ancora vivo oggi farebbe lo stesso, mica per piacere personale, ma per capire come va il mondo. E stavolta va in due diverse direzioni, secondo le traiettorie del viaggio dei due eroi.

Ciascuno dei due è infatti il perfetto protagonista di un romanzo contemporaneo. L’incipit del racconto è l’investitura come giudice. Grazie alle proprie competenze e alla storia personale sia Morgan che Elio ricevono una missione, vincere, per realizzare la quale devono superare le formidabili prove delle puntate. Lungo il percorso, oltre ad allenare squadre diverse, ognuno di loro ha un compito ulteriore: rappresentare un mondo di valori, reso tangibile dal modo di vestire, di comportarsi e atteggiarsi, dalla scelta delle canzoni, dalle frasi pronunciate e dalle strategie praticate nel corso di X Factor. Entrambi, Morgan e Elio, sono dotati di competenze distinte e le dimostrano volta per volta diventando così protagonisti di visioni diverse non solo della musica, loro arte e professione, ma anche della società. Ognuno è un’idea di mondo. Per la quale i telespettatori, come per una squadra di calcio, fanno il tifo, appassionandosi.

L’antropologia dell’eroe “morganiano” è evidente pure nel modo in cui sistema i capelli.  Se li stira tutti di lato con fare civettuolo, come fosse un dandy contemporaneo, il Dorian Gray de noantri. Non sta lì a lavorare, ma a esprimersi, perché lui è un artista. Parla allora di poesia, non giudica i partecipanti al talent show solo per le doti canore, ma perché li sente dentro, prova emozioni, si lascia coinvolgere. La sua più grande dote è la capacità di cogliere l’anima struggente della musica. E allora si infervora quando Elio parla di credibilità dei cantanti, come fossero prodotti, oggetti industriali. Si infastidisce quando l’altro insiste sull’intonazione, perché è un fatto tecnico. Si può essere intonati ma eseguire un compitino senza far vibrare l’aria intorno di passione. Fanno il tifo per Morgan tutti quelli che vorrebbero essere come lui: glam ma non troppo, colti ma non professorali, romantici e iper-contemporanei, come dimostra l’iPad che si porta dietro come un feticcio, forse perché sta bene sugli abiti nero-maledetto che indossa. Morgan è l’eroe emotivo in grado di suscitare passioni contrapposte perché incarna un ossimoro: antico-nuovo, repentino nei cambi d’umore, allegro-rabbuiato.

L’opposto di Elio. Li unisce solo la fama di alternativi, anche se a cosa non è chiarissimo. Elio infatti dimostra una grande calma da composto giudice, una severissima precisione: prende con dedizione il proprio compito, lavora come se fosse un artigiano della musica, di cui conosce ogni aspetto tecnico, ogni meccanica costruzione. Sorprende ma non per gesti plateali, roba da avanspettacolo. Lo fa, invece, perché non agisce secondo uno stereotipo: il cantante comico non è il comico.  A differenza dei testi delle proprie canzoni non è mai sopra le righe nei toni e nelle frasi da professionista che pronuncia. Solo le parrucche lo rendono uomo di spettacolo, ma come se volesse prendere in giro il varietà. Ogni sera si traveste e proprio con la maschera svela il senso della trasmissione: uno show, un circo divertente, un po’ come quelli d’epoca vittoriana in cui sfilano personaggi diversi tutti intenti a fare mostra di sé. I giudizi di Elio sono sempre sintetici, lapidari, mai eccessivi. Perché lui è l’eroe di testa, la sua competenza è la pacata ragione.

Morgan è il cuore, Elio il cervello. Con una metafora politica si potrebbe dire: Morgan è Nichi Vendola, Elio è Mario Monti. Il primo antepone il saper emozionare, il secondo il saper fare. Scegliere con chi stare, votandoli, significa aderire a un sistema di valori, prediligere una proiezione precisa di se stessi.

Poi, come è ovvio, i due rivali vanno a cena insieme e si danno una pacca sulle spalle o per fare gli amiconi proprio sul sedere. Perché lo sanno: l’uno senza l’altro regge poco, è dal contrasto che emerge un colore, dal confronto che viene fuori un carattere. Insieme sono completi. Yin e Yang della tv italiana.

Fonte: Saturno | di Redazione Il Fatto Quotidiano - ilfattoquotidiano.it

 

Il cantante di nuovo in tv con X Factor...

Morgan © Ruggero Biamonti - TrendystyleDa qualche tempo, Marco Castoldi in arte Morgan è tornato in tv più determinato di prima.

Cantautore e grande talent scout, l’ex leader dei Bluvertigo è tornato a vestire i panni di giudice nel talent show ‘X Factor’, che quest’anno va in onda su SkyUno e che sta ottenendo un grande successo.

Intervistato da ‘Tu Style’ di questa settimana, Morgan fa un piccolo bilancio della sua esistenza: “Ripercorrerei tutte le tappe della mia vita, compresi gli errori che ho fatto. Accettare le cose che accadono è come dire sì alla vita”, dichiara.

 

Come si ricorderà, il cantante ha dovuto affrontare un vero e proprio esilio dalla tv a causa di alcune sue dichiarazioni in merito all’uso di sostanze stupefacenti, ma ora, grazie a ‘X Factor’, può finalmente respirare di nuovo l’aria del piccolo schermo.

È una specie di ritorno a casa perché mi sono sempre sentito a mio agio in quel format – afferma - Però rappresenta anche una nuova sfida visto che nell’ultimo anno e mezzo mi sono successe molte cose. Il fattaccio, lo scandalo, il mobbing, chiamalo pure come ti pare. In Italia non accettano che uno abbia tanto consenso, soprattutto se è intelligente e colto”.

 

Infine, Morgan dichiara: “Quando ci si trova davanti una persona pura, che non si vende, allora la fermano. Ma nel mio caso non ci sono riusciti”.

 

Fonte: rumors.it

 

X Factor sta per partire (in onda su Sky Uno HD) e Morgan, uno dei componenti la giuria, è pronto. L'allenamento? A Sky Sport 24, dove si è cimentato nel ricordo, a memoria, di una vecchia formazione della Juventus, quella del 1981. L'esito?

Allora, vediamo. "Non è in ordine", avverte Morgan, che poi comincia: "Zoff, Furino capitano, Brio, Fanna, Virdis...". Sin qui, fatto salvo l'ordine sparso, ci siamo. Poi la stecca: "Boniek, Platini...". Alt. C'era Liam Brady, in realtà: era l'epoca dello straniero unico, Platini e Boniek arrivarono solo nel 1982. Poi, ovviamente, "Gentile, Cabrini e Scirea".

Eppure, l'errore è a monte. Morgan comincia con "Tancredi in porta", indicando il portiere di riserva. Ora: dando per scontato che il riferimento non sia a Franco Tancredi (storico portiere della Roma e, in seguito, vice al Torino, non certo alla Juve, dove pure è stato preparatore dei portieri) potrebbe trattarsi di Roberto Tancredi, portiere toscano classe 1944, effettivamente bianconero dal 1968 al 1971. Nel 1981 si era già ritirato da cinque anni, però. Via, Morgan: nonostante tutto, per noi è sì.

E, per i tifosi della Juventus, proviamo a rinverdire il ricordo, questa volta preciso. Dall'1 all'11: Zoff, Gentile, Cabrini, Furino, Brio, Scirea, Marocchino, Tardelli, Galderisi (Rossi), Brady, Virdis. In rosa c'erano anche Bodini, Osti, Bonini, Fanna, Prandelli, Tavola e Bettega. Allenatore Trapattoni.

 

Fonte: sport.sky.it

 

Guarda il Video

X Factor 5 (2011)

 

 

Stavolta in tv la musica cambia davvero: sono state svelate oggi in conferenza stampa a Milano le novità dell’edizione che prende il via il giovedì 20 ottobre in esclusiva su Sky Uno in prima serata.

Prodotta da FremantleMedia Italia e realizzata in collaborazione con Magnolia, la quinta edizione di X Factor, il talent show più seguito al mondo, sarà in una versione inedita in Italia e aderente al format originale inglese, con al centro dello show più musica e più storie, al servizio del talento.
Sarà un X Factor innovativo sotto molti punti di vista, arrivando persino – come ha annunciato l’ad di FremantleMedia Italia Lorenzo Mieli in conferenza stampa – a concludersi con una serata finale trasmessa in 3D. Anche le modalità di accesso a dirette, notizie, highlights e nuove proposizioni dei contenuti avverranno, per la prima volta in Italia, davvero a tutto tondo.
La prima novità è l’Alta Definizione. Proprio nel giorno del debutto di X Factor, infatti, Sky Uno diventerà HD, 24 ore su 24, allungando ancora la lista dei canali Sky in Alta definizione e diventando il primo grande canale italiano di intrattenimento in HD.
La seconda riguarda il numero di puntate di prime time in palinsesto: saranno 12 e, come nella versione originale del format, i primi 4 appuntamenti saranno dedicati alle selezioni. Queste quattro puntate sono il racconto di una maratona durata quattro mesi che, partendo da 50.000 candidati, ha portato alla scelta dei 12 talenti che saliranno sul palco di X Factor.
Dal 17 novembre, sempre di giovedì dalle 21.10, parte la sfida live: 8 puntate in diretta che vedranno giudici e concorrenti impegnati in un duello all’ultimo brano, fino alla finale del 5 gennaio 2012.

LA GIURIA La terza novità è la giuria: l’edizione di X Factor targata Sky schiererà una autentica supergiuria che raggruppa il meglio delle precedenti edizioni e che combina il talento di una mattatrice dello spettacolo e della tv come Simona Ventura, con le doti di due grandi protagonisti della musica italiana, Morgan ed Elio, e la sorprendente genuinità e creatività di Arisa. La conduzione è affidata ad Alessandro Cattelan, che porterà sul palco la competenza musicale e affiancherà gli aspiranti talenti con una verve originale e di stampo “british”.

LA COPERTURA La quarta è relativa alla copertura: sarà senza precedenti, sia online, sia nei social network, sia in radio, sia in tv. Questo sito è la destinazione ufficiale ed esclusiva per i fan del programma in rete che potranno votare gratuitamente e direttamente via internet i loro concorrenti preferiti. Sul sito di X Factor troverete un’ampia selezione di video tratti dalla programmazione on air delle puntate di casting, dei live, del Daytime, di Xtra Factor, oltre ad anticipazioni e clip esclusive per il web. Non mancano news, indiscrezioni e foto anche dal backstage, che gli utenti potranno ricevere in anteprima iscrivendosi alla newsletter dedicata. Una pagina per ogni giudice e per ogni concorrente consentirà di seguire ancor più da vicino i propri beniamini.
I fan potranno non solo commentare direttamente sul sito quanto viene pubblicato o confrontarsi nel forum, ma anche condividere video, testi e le loro idee su facebook, twitter e altri social network che sono fortemente integrati con xfactor.sky.it Il sito di X Factor, la pagina ufficiale di Facebook e il profilo Twitter attraverso l’#XF5 consentiranno a tutti di partecipare attivamente a questa edizione del talent show, che ha nell’interattività e nella multicanalità i suoi innovativi punti di forza.

Grazie all’applicazione Sky Go, X Factor sarà visibile in simulcast con SkyUno per gli abbonati al servizio, ovunque si trovino. In questi giorni, inoltre, sarà possibile scaricare su telefoni Apple e Android l’applicazione mobile di X Factor 2011 ricca di news, video, photogallery e grazie alla quale si potrà votare e partecipare ai sondaggi durante il live show. Zodiak Active è il partner tecnologico che ha messo a disposizione la propria piattaforma interattiva su mobile e web.
In radio sarà il network Radio 105 ad amplificare le “voci” dei protagonisti di X Factor, i talentuosi performer, i giurati e il conduttore. Grazie a una partnership con l’emittente radiofonica il talent show vivrà anche sulle frequenze di Radio 105: dal lunedì al mercoledì in una striscia dedicata al programma all’interno di “105 Night Express”, la prima serata di Radio 105 in onda dalle 21 alle 23 condotta da Fabiola e Dario Spada. I padroni di casa, due assi dell’intrattenimento musicale, aggiorneranno il pubblico con news e curiosità riguardanti il programma, oltre a commentare insieme ai radioascoltatori la manovra di avvicinamento all’attesa diretta del giovedì su Sky Uno HD. Inoltre, ogni venerdì, all’indomani del live show di prima serata, ci saranno le interviste e i commenti in “105 Friends”, programma condotto da Tony Severo e Rosario Pellecchia .
A partire dal 17 novembre si accenderà anche X Factor Radio, una web radio dedicata al programma, da ascoltare sul sito web di Radio 105, sul sito di Sky http://xfactor.sky.it/, sulla pagina facebook di X Factor, su Sky Radio, il canale interattivo di Sky al 700 della piattaforma satellitare o, ancora, scaricando l’apposita applicazione mobile. X Factor Radio resterà accesa 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per non perdere nemmeno un istante di tutto quanto ruota intorno al talent show. Le prime quattro puntate dedicate alle selezioni saranno trasmesse su Cielo (canale 26 del DTT e canale 126 di Sky) 24 ore dopo, il venerdì alle 21.10.

COSA VEDEREMO
LE AUDIZIONI
Le prime due puntate – in onda il 20 e 27 ottobre alle 21.10 – racconteranno le Audizioni, ovvero i provini dei 220 candidati promossi durante gli affollatissimi pre-casting di Roma e Milano e le successive audizioni che hanno fatto tappa a Trento, Forlì e Milano davanti al grande pubblico di teatri e palazzetti. Lì i candidati hanno dato vita a un vero e proprio live show, con esibizioni su base musicale e non più a cappella, vivendo in diretta l’atteso e temuto momento del voto della giuria. Una prova d’esame da subito impegnativa per i concorrenti e soprattutto una delle tante novità di questa edizione di X Factor targata Sky. Una versione del talent che mira a far risaltare al massimo le doti musicali dei candidati e la loro capacità di “tenere il palco”. I numerosissimi spettatori che hanno affollato le audizioni sono stati il vero e proprio “quinto giudice” in campo, chiamati ad esprimersi in una fase molto delicata del programma: tra applausi, standing ovation qualche inevitabile disaccordo con la giuria, gli spettatori hanno partecipato attivamente al processo di selezione dei 113 aspiranti talenti che hanno meritato di passare il turno.

BOOTCAMP – CAMPO RECLUTE
La stadio successivo di selezioni è avvenuto durante i Bootcamp – Campo reclute, fase a cui sarà dedicato il terzo episodio in onda il 3 novembre alle 21.10. Tutto si svolge al Teatro della Luna di Milano (da dove andrà poi in onda il live dello show), da lì i candidati si sono esibiti a cappella cantando tutti lo stesso brano, senza musica, senza pubblico, potendo contare solo sulla propria voce.
Un contesto che mette in risalto la tensione dell’ultima selezione e che rappresenta un confronto diretto, ad armi pari, con pochi minuti a disposizione per influenzare il verdetto dei giudici. Simona Ventura, Morgan, Elio e Arisa hanno avuto il duro compito di scegliere con, un giudizio immediato e inflessibile, i 24 migliori talenti, 6 per ciascuna delle categorie in gara.
Sono infatti quattro le categorie in cui sono divisi i concorrenti: Under 24 uomini, Under 24 donne, Over 25 e Gruppi vocali, ciascuna capitanata da un giudice che come sempre avrà il compito di dimostrare che tra i “suoi” c’è il vero performer dotato di “x factor”. Solo al termine dei Boot Camp ciascun giudice saprà quale squadra gli verrà assegnata, e sarà allora che dovrà scegliere quali talenti fin lì selezionati vorrà schierare per vincere la gara di X Factor.

HOME VISIT – LA SCELTA FINALE
L’ultimo step di selezioni che gli aspiranti concorrenti dovranno affrontare è l’Home visit – La scelta finale. In questa fase, in onda il 10 novembre alle 21.10 con il quarto episodio, verranno presentati i finalisti e gli abbinamenti giudice-categoria. Questa fase si svolge in quattro diverse località, una per ogni giurato chiamato a scegliere tra i 6 talenti fino a quel momento selezionati per la propria categoria. Ogni giudice sarà affiancato da un vocal coach: Paola Folli per Simona Ventura, Andrea Alberto Tafuri affiancherà Elio, Diego Calvetti e Giuseppe Barbera rispettivamente con Morgan e Arisa. Solo tre concorrenti per ciascuna categoria potranno essere schierati sul palco di X Factor.
Lo splendido mare di Capri ha fatto da cornice alla scelta di Simona Ventura, mentre Arisa ha convocato la sua squadra nel cuore delle Dolomiti, a Bolzano. Morgan ed Elio hanno preferito restare immersi nel ritmo delle proprie città, rispettivamente Monza e Milano, per concentrarsi al massimo sui talenti e definire il proprio team.
In tutta questa prima fase del programma, che termina con la scelta dei 12 concorrenti in gara, ci sarà la costante presenza di Alessandro Cattelan. Il conduttore di X Factor sarà sempre accanto ai ragazzi, per supportarli e raccogliere a caldo, nel dietro le quinte, le emozioni di chi ce l’ha fatta e di chi è stato invece escluso a un passo dal traguardo.

LA DIRETTA
L’arena canora più famosa della tv si accenderà il 17 novembre, visibile per la prima volta in Alta Definizione su Sky Uno HD, in diretta dal Teatro della Luna di Milano, dove i 12 concorrenti di X Factor si sfideranno a suon di note per otto settimane. Uno solo sarà il vincitore e si aggiudicherà l’ambito premio finale: un contratto discografico con Sony Music Italia per un investimento complessivo in termini di produzione, promozione, comunicazione e pubblicità di 300mila euro.

Nel finale di ogni puntata del live show il pubblico potrà esprimere le proprie preferenze attraverso il classico sistema di televoto, che quest’anno include una novità: oltre che tramite sms, sarà possibile votare gratuitamente dal sito xfactor.sky.it, dall’applicazione mobile e dalla pagina ufficiale di Facebook. Tutte le istruzioni per il voting saranno consultabili anche attraverso il tasto verde dell’interattività del telecomando Sky.

XTRA FACTOR e DAY TIME
Alla fine delle puntate live, si potranno vivere le emozioni del dopo gara grazie a Xtra Factor, ulteriore novità di questa edizione Sky del talent show. Xtra Factor rappresenta uno spazio per commentare in diretta le esibizioni e l’inevitabile eliminazione che avverrà in ogni puntata. In onda subito dopo il talent show e incentrato su interviste, commenti alle esibizioni dei ragazzi, reazioni del pubblico, Xtra Factor si gioverà del contributo di ospiti fissi e di altre personalità del mondo della musica e dello spettacolo, diversi di puntata in puntata.
L’approfondimento del live si svolgerà in uno studio creato appositamente in un angolo esclusivo del Teatro della Luna e sarà condotto con stile ironico e dissacrante da Brenda Lodigiani e Max Novaresi, che non mancheranno di confrontarsi in diretta con gli utenti della rete. Il pubblico di Sky potrà inoltre vivere l’avventura di X Factor giorno per giorno con la consueta striscia quotidiana X Factor – Day Time che accompagna il programma a partire dal 18 novembre, dal lunedì al venerdì alle 19.35. L’appuntamento quotidiano mostrerà come si preparano al live show i protagonisti di X Factor: le puntate del lunedì e del martedì sono dedicate all’assegnazione del brano da interpretare nell’attesissima diretta del giovedì e all’analisi critica del pezzo, il mercoledì si raccontano le attività che i ragazzi svolgono per migliorarsi, il giovedì riflettori accesi sulle prove della prossima performance e il venerdì spazio a inediti momenti di backstage .
X Factor è un programma di Paola Costa, Peppi Nocera; scritto con Giuseppe Bianchi, Luca Busso, Nadio Fiorini, Nicola Lorusso, Romina Ronchi, Sonia Soldera; e con Federica Pellegatti. La regia è di Lele Biscussi; direttore della fotografia Marco Brindasso; scenografie Matteo Oioli. Il direttore artistico è Luca Tomassini

 

Fonte: xfactor.sky.it

Un breve articolo sulla nuova edizione di X Factor tratta da "Telepiù" del 18 ottobre 2011.

 

 

Sfoglia PDF

 

X Factor 5 (Conferenza Stampa)La conferenza stampa di X Factor 5, la prima edizione targata Sky, conferma le impressioni della vigilia: l’imponente Area Pergolesi, tanti giornalisti, audio imponente e maxischermi che ripropongono i (bei) promo andati in onda in questi giorni su Sky. Il refrain è sempre quello: “la musica è cambiata”, questa quinta edizione, complice il cambio di rete, vuole differenziarsi nettamente dalle precedenti.

Comincia a parlare Lorenzo Mieli di Freemantle, che racconta come l’idea di “trasferire” X Factor su Sky sembrasse all’inizio una possibilità difficile da realizzarsi. “Sarà un X Factor nuovo, che prende il meglio di ciò che è stato e aggiunge molto in più”. La formula che dà ai provini e alle fasi successive di selezione lo stesso spazio delle puntate live (le prime 4 puntate saranno dedicate alla scelta dei concorrenti, le successive 8 alle dirette) è sicuramente la prima novità. La maggiore aderenza al format originale inglese sarà impreziosita dall’alta visione e addirittura da un’ultima puntata in 3D.

Ilaria Della Tana, amministratrice delegata di Magnolia, era convinta e rammaricata della chiusura definitiva del programma, dopo la mancata conferma da parte di Raidue. La proposta di Sky ha permesso invece di dare nuova vita al programma e di rinvigorirlo.

Un video ci introduce al nuovo meccanismo: provini live di fronte a un teatro colmo di pubblico (novità che arrivò in Inghilterra solo dalla sesta edizione), bootcamp, divisione in categorie e home visit così come siamo abituati a conoscerli. Solo dodici concorrenti accederanno poi ai live, previsti dal 17 novembre.
Una sorta di “nuovo inizio”, quindi, più che una quinta edizione. Il nuovo sito raccoglierà estratti video del programma e conterrà notizie esclusive. Grande attenzione anche ai social network: tramite Facebook e Twitter si sarà sempre aggiornati sulle ultime notizie. Su Sky Go (applicazione per gli utenti Apple) si potrà vedere il programma in diretta e in mobilità. Un’altra grande novità riguarda il televoto, che sarà gratuito durante i live. Questo permetterà di conoscere il vero gradimento del pubblico.
Dopo la diretta andrà in onda l’Extra Factor. Sempre in diretta dal Teatro della Luna, Max Novaresi e Brenda Lodigiani condurranno una sorta di “Dopofestival” ironico e divertente, per commentare ciò che è appena avvenuto in puntata con ospiti ed eliminati.
Video-anteprima dei provini così come andranno in onda da giovedì, tra cui spicca una giovane ragazza con una voce potente. Sarà la talentuosa minorenne di cui i giudici hanno spesso parlato durante le interviste? Tra le immagini, spicca anche un gruppo composto dai giudici costituito da due sorelle presentatesi singolarmente e non più in buoni rapporti da anni.

Cattelan parla della sua esperienza: “mi ha stupito la fiducia riposta nel programma e nella giuria da parte degli aspiranti concorrenti”. “È stata dura – continua – consolarli dopo aver visto i loro sogni infranti da un ‘no’ della giuria”.

Prima di parlare con la giuria, un video ci offre alcuni dietro le quinte dei loro momenti, da cui si evince una grande sintonia tra tutti e quattro.
Simona Ventura: “pur essendo, io e Morgan, i giudici più anziani, è un po’ una nuova trasmissione. Questo programma funziona perché è credibile; la sfida sarà ancora più dura, la rete è diversa e il metro di giudizio sarà tutto diverso. L’obiettivo, visto che il mercato discografico è un po’ assuefatto all’entrata di cantanti provenienti da talent, sarà quello di trovare un nuovo artista”. “Cerchiamo l’originalità”, aggiunge, perciò sarà diverso dalle prime due edizioni a cui Simona ha partecipato.

Morgan: “devo fare i complimenti a Sky: tecnicamente si tratta di un prodotto superiore, molto televisivo, quasi cinematografico”. Morgan parla dell’affiatamento della giuria paragonandolo a quello che si forma tra una band musicale.

Arisa: “è un’esperienza bella (si preoccupa di poter essere banale, ndr): sono contenta di essere capitata in questo momento, sono famosissima, sono ovunque”. “Sono felice dei ragazzi che mi sono capitati, sono persone che fanno lavori umili e che hanno voglia di arrivare”.

Elio affronta tutto con la solita ironia: “non è stato sottolineato che sono il campione uscente, vorrei rassicurare chi fa il tifo per me che sono ancora assetato di vittoria e che sono di nuovo qui per vincere. Gli altri avversari li ho eliminati, questi sono forti, sarà una bella battaglia”. “Non è facile il ruolo del giudice – dice – non è bello dover dire di no a una persona che è di fronte a te”. Elio conferma il bel rapporto con gli altri giudici, anche se la gara deve ancora iniziare e le maschere devono ancora cadere.

È il momento delle domande.

Andrea Laffranchi del Corriere parla subito di Star Academy: “è un sollievo avere la serata libera il giovedì o c’è paura che la crisi riguardi tutti i talent?”. “Per Sky non sono importanti gli ascolti”, precisano subito dalla rete. “X Factor all’estero è uno dei programmi più di successo del genere, lo avremmo scelto comunque”. Morgan si dice divertito, dato che vede quest’esperienza come un’avventura.

Andrea Spadasciani chiede cosa sia stato tolto (rispetto a ciò che è stato aggiunto) rispetto agli anni passati. “La differenza riguarda la preparazione al live” risponde Ilaria Della Tana, “sono state ridotte le puntate live e i daytime riguarderanno solo le prove dei cantanti”.
Sky si augura anche che X Factor diventi il brand di riferimento di Sky Uno. “I tempi non saranno british – precisa Ilaria Della Tana – perché siamo italiani.

Luca Dondoni chiede conto dei numeri: “con Fiorello s’erano raggiunti 500 mila telespettatori con meno abbonati, ora che si è sfondata la quota di 5 milioni d’abbonati, ora puntate al milione?”. “Il milione spero di sì”, azzarda Simona, interrotta imbarazzata dal dirigente Sky, che cerca di ridimensionare le aspettative. “I conti si fanno alla fine”, chiosa la Ventura, che però aggiunge “magari arriviamo al milione e superiamo i 6 milioni d’abbonati”. Per Sky, comunque, è importante avere un pubblico fedele, di appassionati, più che tanti curiosi. L’obiettivo, come sempre, è quello di stipulare nuovi abbonamenti.
X Factor andrà in onda, ovviamente, anche su SkyUno+1, on demand, su tablet, su cellulari (con Sky Go), sull’app e su altri canali. E sarà lì che raccoglierà altri ascolti, che non saranno rilevabili in modo tradizionale.
Dondoni chiede anche degli ospiti: “dato che quelli italiani, anche a Star Academy, non attirano più, avete pensato a ospiti internazionali di richiamo?”. Secondo la Ventura il problema non sono gli ospiti, ma la qualità: “la gente non vuole farsi prendere in giro, vuole vedere un programma fatto come Dio comanda”. Morgan le dà ragione: “gli ospiti arrivano per motivazioni artistiche, non sono la ragione per portare grandi ascolti”. Morgan vorrebbe Vasco Rossi, “alla luce di tutto ciò che è successo, magari in duetto con me, così mi perdona per le cattiverie”. Interviene Elio: “una volta è andato ai Telegatti, quindi può venire anche a X Factor”.

Non si vuol sentire parlare di confronti con Star Academy, una tv generalista e una d’abbonamento non sono paragonabili.

La Gazzetta chiede a Simona dei suoi progetti futuri: “ti viene la voglia di creare un programma tuo? Ne hai parlato con i vertici di Sky?”. Simona conferma che ci sono già idee per sperimentare cose nuove.

Paolo Giordano torna sul discorso televoto gratuito e sulla “spalmatura” della programmazione: “la gente vuole sapere chi esce e chi vince, il fatto che si saprà con anticipo il risultato del live, non toglierà interesse al programma?”. La risposta, ovviamente, è quella che la scelta spetta al cliente: il live c’è, sta all’abbonato decidere quando guardare il programma. Si conferma che il voto via sms non sarà a pagamento, si potrà anche votare via internet, tramite il sito e tramite Facebook.

“Quanti voti si potranno mandare a persona?” chiedono giustamente. Saranno 5 le preferenze massime esprimibili.

Si parla, naturalmente, anche di Cielo, la rete disponibile in digitale terrestre. I provini saranno replicati 24 ore dopo, per le puntate live le trattative sembrano ancora aperte.

Si chiude con un commento sui cantanti: il talento, quest’anno, non mancherà.

 

Fonte: realityhouse.altervista.org




Tutti i diritti sono riservati - © 2010-2013 InArteMorgan.it - Copyright. - Contattaci.