Company Logo

Facebook Twitter Google+ YoTube Instagram 


Interviste di Morgan

Articoli su Morgan

Report Live di Morgan

Articoli sugli Album di Morgan

Interviste ed Interventi Radio di Morgan

Articoli ed Interviste di InArteMorgan.it

comunicati

 


201720162015201420132012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008 -

20072006 - 2005 - 2004 - 2003 - 2002 - 2001 - 2000 - 1999 - 1998 - 1997


 

 

Morgan intervista Ivano Fossati al Conservatorio di Milano (presente con la sua band per l’ultima tappa del tour del 2009 "Musica Moderna").

L'intervista è stata fatta per Match Music quando Morgan ne era il Direttore artistico.

Dall'intervista emergono tutti i punti fondamentali della carriera del musicista più discusso per le sue prese di posizione in ambito musicale e di pensiero: uno spirito libero ed insofferente di fronte ad un certo tipo di “omologazione” che, negli anni, ha attraversato la cultura musicale italiana.

Morgan e Fossati non si soffermeranno solo sulla musica ma su tutte le sfaccettature e mode che, dai tempi dei “Delirium” ad oggi, hanno caratterizzato il modo di “scrivere e cantare canzoni”. Morgan e il cantautore genovese ripercorreranno anche molte delle tappe che hanno segnato i gusti musicali della gente ed il modo di approcciarsi ai nuovi modelli proposti, dalla musica hip-hop al pop italiano, dalla musica cantautorale agli “emo”.

Un confronto diretto e sincero, che spazia dai temi musicali a quelli più umani di un Fossati che parla del suo rapporto con la vita, con i suoi figli e con un paese (l’Italia) con il quale non si è mai trovato d’accordo…

 

 

Commenti (12) Visualizzazioni: 166

Intervista a Marco Castoldi in arte Morgan in occasione del Festival della Bellezza di Verona: «Non esiste suono senza visione perciò, per come la vedo io, non può esserci una performance vera senza che il musicista si metta a correre sul palco, a sudare, a inventarsi bravate»

di Grazia Sambruna

 

Artista, giullare, polemista di professione, personaggio - forse - suo malgrado. A Marco Castoldi in arte Morgan le etichette stanno strette, strettissime. "L'istrione, patologicamente, ha bisogno di essere amato" racconta al termine di un concerto tributo a David Bowie nell'ambito del Festival della Bellezza, a Verona, dove non pioveva da due mesi, si dice. Ma quella sera, sì, pioveva. Parecchio. All'entrata, la Croce Rossa vendeva cuscini per le sedie fradice fino all'inizio del live, al Teatro Romano. Un live che è stato uno show, un cabaret, un insieme di suoni, immagini e filosofia platonica. Un live che è stato sudore e pioggia. Poco Bowie, molto Morgan, anzi forse, verrebbe da dire, molto Marco. A giudicare dalle facce di chi usciva, al termine dello spettacolo, un'esperienza di difficile decodificazione, per usare un eufemismo. Quindi Morgan, l'istrione, vive e suona tuttora in disordine, senza scaletta, su e giù dal palco. Ma tra una cover di Heroes, un'imitazione parodica di Battisti e dopo qualche tapiro, avrà ancora, davvero, qualcosa da dire? Gliel'abbiamo chiesto. Perché questo giullare, questo polemista di professione, questo personaggio suo malgrado, Amici o no, convive da sempre con la croce e la delizia di destabilizzare. E quindi incuriosire. Questa la sua forza. E la sua fragilità.

 

Hai fatto una serata in omaggio a David Bowie in cui a un certo punto ti sei messo a suonare "Pippo non lo sa". Nel complesso, questo live, quanto è stato un tributo e quanto una supercazzola?

Partiamo da un presupposto: il rock'n'roll non è frivolo ma di sicuro è un po' cazzone. Non esiste suono senza visione perciò, per come la vedo io, non può esserci una performance vera senza che il musicista si metta a correre sul palco, a sudare, a inventarsi bravate, magari pure pagliacciate. Per fare uno show bisogna aderire a più registri diversi, dal drammatico al comico, per un unico fine: creare un rapporto, un'interazione, col pubblico perché senza pubblico non può esistere uno spettacolo. Non ho una scaletta non perché non abbia voglia di farla ma perché improvviso in base alle vibrazioni che mi rimanda chi è venuto a vedermi. L'improvvisazione, però, non è sinonimo di approssimazione: nel jazz esistono manuali di improvvisazione, mentre nel rock l'improvvisazione non è ancora stata codificata, probabilmente dovrò farlo io. Molti miei colleghi non lo capiscono e infatti non mi invitano ai loro show, hanno paura di me, in un certo senso, vogliono prove, certezze, prima di salire su un palco. Non capiscono quanto l'improvvisazione sia fondamentale perché rende ogni spettacolo irripetibile. Altrimenti tanto varrebbe andare a vedere una mostra di quadri. Durante il live era tutto perfettamente sotto controllo, nonostante il caos apparente.

 

E in questo caos non pensi che Bowie sia passato in secondo piano?
Bowie non può passare in secondo piano perché è un cadavere.

 

Cioè?
Ho una visione molto romantica della morte. Secondo Coleridge e Wordsworth quando un essere muore non finisce in paradiso o all'inferno ma va a far parte del terreno su cui camminiamo, dei fiori, degli alberi. Questo significa essere un cadavere: diventare spirito presente in ogni luogo. Perciò dico che Bowie, oltretutto mio spirito guida da sempre, non può essere passato in secondo piano durante lo show. Era lì, sopra di me, per tutto il tempo. "Le mie ossa regalano ancora alla vita erba fiorita", cantava De André in Un Matto. Bowie oggi regala ancora di più quello che è ovvero il più grande musicista e pensatore del 900.

 

E tu, invece, cosa regali?
Io regalo performance che non sono state né saranno mai deludenti, non vendo flop, non mi è mai capitato di farne. Poi passerò alla storia per le cazzate che dico e che faccio, anzi, per le cazzate che i giornalisti scrivono che io dica e faccia.

 

Pensi che il pubblico non ti comprenda?
Io sono fiero del mio pubblico perché è sempre diverso e non etichettabile, un po' come quello che faccio sul palco. Di solito vengono a vedermi un migliaio di persone ma non sono tutti ragazzini, tutti vecchi, o tutte famiglie. È gente che in genere viene ai miei concerti da sola, per i cazzi propri. Gente disposta all'ascolto. Poi mi rendo conto che sia difficile farsi un'idea di me leggendo ciò che si scrive sul mio conto ma questo non è un problema mio.

 

Probabilmente una buona fetta del tuo pubblico vorrebbe sapere cosa diavolo sia andato storto coi Bluvertigo. C'era stata una reunion sanremese, l'annuncio di un disco...E poi?
E poi io non ho più una band perché credo che i componenti di quella band siano stati completamente privi di rispetto nei miei confronti. Fui io ad avere l'idea della reunion, ho scritto il disco, un disco che c'è tuttora. Loro hanno perso la stima verso di me. Forse per rabbia e frustrazione. Questi mi odiano, non posso far altro che prenderne atto. Anche se da parte mia non è così, non puoi stare con gente che ti odia. Si sono comportati davvero da pezzi di merda.

 

Perché?
Non ne ho idea.

 

Alla luce di tutto ciò che stai dicendo finora, una buona soluzione potrebbe essere parlare meno e suonare di più.
Sei tu che mi stai facendo parlare, io sto preparando un live e sono presissimo dalla mia musica.

 

Ti stiamo facendo parlare appunto perché crediamo che molte persone vogliano saperne di più della tua musica, a prescindere dalle polemiche e dai tapiri. A proposito, c'è ancora, la tua musica? 
Quando usciranno le mie cose cambierà tutto. Si tratta della visione del musicista più libero che c'è. È musica esplosiva, a chi vorrà ascoltarla potrebbe esplodere la testa come succede al protagonista di Videodrome. Per adesso posso dirti che sto lavorando a un doppio disco.

 

Nel 2016 eri arrivato a postare su Facebook la tracklist di un nuovo album di cui poi non si è saputo più nulla. E non è la prima volta che annunci novità discografiche che poi non vedono mai luce. Ora dobbiamo fidarci? 
Sì.

 

Cosa direbbe il Morgan degli esordi al Morgan di oggi? 
Smettila di farti crescere il naso!

 

Ovvero "Smettila di raccontare balle"?
No, non in quel senso. Collodi non c'entra. È che davvero sto invecchiando male, è evidente se guardi il mio naso. Praticamente ho la caduta di Varsavia sulla faccia, da un paio d'anni non mi riconosco più nelle foto. Mio padre aveva il naso più lungo di quello di Battiato e diceva sempre che le belle chiese hanno il campanile alto. Ma a me non me ne frega niente, io voglio il naso di James Dean, mica quello di Lando Buzzanca! Piuttosto resto povero ma devo assolutamente contattare un chirurgo, uno bravo. Anche perché oltretutto fa malissimo: si sfalda la cartilagine, sembra che il naso ti cada, un'agonia...

 

Bene, ora si staranno sprecando doppi sensi nella mente di chi sta leggendo...
No, ecco, precisiamolo: non mi sta cadendo il naso perché pippo cocaina. È solo per via di un processo di invecchiamento che capita a tutti, anche a voi che state leggendo. Godetevi il vostro naso perfetto dai 16 ai 25 anni poi non potrà che andare sempre peggio. Però, davvero, io non pippo cocaina. Ho solo il nasone. Ma a quanto pare il nasone in tv funziona.

 

E ti interessa ancora la tv? A parte la mera questione economica, sembra davvero ai limiti del masochismo il fatto che tu ci torni ogni volta. Finisce sempre allo stesso modo...
In tv ci sono degli aspetti che mi affascinano, molte volte ci ritorno perché sono incuriosito da quegli ambienti, intravedo prosettive sempre molto belle e interessanti dal punto di vista creativo anche se sono tutti un po' troppo ansiogeni e io sono più frikketone. Se io avessi la possibilità di essere un po' più autonomo, di fare delle scelte, credo che le persone potrebbero vedere qualcosa in equilibrio tra arte alta e l'arte popolare. Il problema è un cortocircuito di base, a livello di comprensione: il pubblico è lì che aspetta di vedere delle belle cose, mentre chi fa tv pensa che i telespettatori siano di basse pretese. Personalmente mi scontro con questa idea perché è sbagliata e perché io stesso sono parte del pubblico e vado rispettato in quanto tale. Quando mi metto davanti alla tv e vedo solo schifezze mi incazzo perché non me lo merito. In televisione bisogna smettere di dare perle ai porci. No, ho sbagliato. Bisogna smetterla di dare porci alle perle.

 

E questo tu lo credevi davvero possibile in un programma come Amici? 
Sì.

 

Perché?
Perché ritengo Maria De Filippi una persona davvero illuminata, colta e assetata di cultura. Umanamente, mi spiace molto per come è andata a finire. Le premesse erano davvero ottime tanto che, a giudicare da quanto mi era stato promesso sulla carta dal punto di vista creativo, rifirmerei al volo anche oggi. Poi però quelle condizioni non si sono verificate, non potevo saperlo prima. Tra le altre cose, avevo pure il pubblico contro in studio.

 

Sì, un pubblico di ragazzine, però.
Va bene, sarà pur stato un pubblico di ragazzine. Ma allora perché non insultavano Saviano? Io parlavo di Endrigo, lui di Anna Achmatova. Almeno Endrigo ha scritto Per fare un albero ci vuole un fiore che chiunque ha sentito fin dall'asilo. Anna Achmatova è una poetessa che conosciamo in quattro, figurati quanto gliene potesse fregare alla ragazzine. Però quando parlava Saviano lì era cultura, quindi tutti zitti ad ascoltare. Io non facevo in tempo ad aprir bocca che subito mi fischiavano. Senza contare che questo Saviano parla col gobbo. Io dentro di me dicevo, volevo gridargli: "Levategli il gobbo! Levategli il gobbo!". Chissà che cavolo avrebbe detto senza gobbo. Io non ho mai avuto il gobbo perché so sempre di cosa parlo. Al massimo ho la gobba, quella sì. Ma il gobbo almeno no.

 

Il nasone e pure la gobba, un mostro, praticamente. Se questo mostro fosse rimasto ad Amici, la finale l'avrebbe vinta un ballerino?
No, l'avrei vinta io. Con Thomas. Ma non dico che l'avrei vinta. Dico che l'avrei stravinta.

 

Però...

Però non sono mainstream, come mi è stato rinfacciato da un ragazzo di Amici. Quando me l'ha detto, in senso squisitamente dispregiativo, io ho osservato un secondo di silenzio e poi sono scoppiato a ridere.

 

Se non sei mainstream, Morgan, non sei nulla. Arrenditi. 
Non mi arrendo perché so di non essere nulla. Sono un nonnulla. Quindi, alla fine, qualcosa.

Commenti (2) Visualizzazioni: 184

Il cantante milanese ha debuttato come giudice di talent show a X Factor nel 2008. Quest’anno è stato licenziato da “Amici”

 

di Andrea Spinelli

 

Milano, 8 giugno 2017 - Vita d'artsita. Alle una e mezza di mattina, al ristorante, Morgan sembra pacificato con il demone che si porta dentro e finalmente padrone di quei fantasmi che gli tengono stretto il cuore. Sul palco del Teatro Romano, per il Festival della Bellezza, ha omaggiato David Bowie mettendoci i suoi incubi, le sue aspirazioni, il suo vissuto.

 

Morgan, qual è stato il suo imprinting bowiano?

«“Lodger”. Mia madre ascoltava soprattutto quel terzo capitolo della trilogia berlinese e “Aftermath” dei Rolling Stones, mica Morandi o Al Bano…”.

 

Scusi, cosa le ha fatto Morandi?

«Quando era al timone di Sanremo assieme a Gianmarco Mazzi, mi candidai con un pezzo veramente bello; un lavoro sulla Sonata in si minore di Liszt. Glielo feci ascoltare e mi riempirono di complimenti, dopo qualche giorno, però, mi mandarono un messaggio in cui dicevano di aver preso altre decisioni. Gli risposi: stronzi».

 

Li ha più risentiti?

«Dopo un paio d’anni incontrai Morandi che mi chiese se lo consideravo ancora in quel modo poco onorevole. Risposi: certo».

 

Ma com’è la musica oggi?

«Quella che va in radio è bella. E quella che va nei talent show è bella solo se ci sono io».

Valutazione un po’ soggettiva…

«No, assoluta. Da giudice, sono l’unico ad aver vinto sei talent su sette, parola del Guinness dei primati. E ad averlo fatto col mio intuito, con la mia preparazione e con la mia sincerità. Sa cosa diceva Moravia di Pasolini? “Pensa di dire la verità; e quando si pensa di dire la verità c’è qualcosa che ce la fa dire veramente”».

 

Lei pensa di dire la verità?

«No. Ma c’è qualcosa che me la fa dire lo stesso».

 

E cos’è questo qualcosa?

«Ho un senso di giustizia innato».

 

E cos’è il talento?

«Per alcuni talento è solo un mezzo con cui raggiungere profitto e ricchezza. Per altri è la bellezza. Il musicista esibendosi dà pienezza all’arte e bellezza alla vita. Ecco perché l’artista autentico è verità, mentre quello malato di guadagni, il suo contrario».

 

Bowie, però, ha sfruttato il suo talento.

«Ha sempre fatto dischi dissonanti, fuori dal coro.Mica come quelli che hanno la paranoia di ripetere il successo dell’album precedente e l’ossessione di andare in classifica. Secondo lei Ramazzotti pensa a fare il disco o andare in classifica? Esistono dischi di Emma Marrone che non siano fatti con lo stesso obiettivo?».

 

Beh pure “Let’s dance” era un disco strutturato per…

«Sì, ma con la sua anima pop completamente diverso dal predecessore new wave “Scary monsters” e questo bastava già da sola a metterlo a rischio. Si sa, infatti, che l’effetto Dire Straits funziona sempre. Knopfler e compagni hanno mai fatto un disco diverso da quello che la gente voleva da loro? Tutti bellissimi, tutti uguali. Come quelli di Bob Dylan, che sui testi fa una ricerca meravigliosa, ma musicalmente ’ndo sta? Mica è Peter Gabriel. Del suono, dell’arrangiamento, dell’armonia non gliene frega niente».

 

Un esempio di artista puro?

«George Michael. Era il più grande cantante della nostra epoca».

 

E di musica pura?

«Oggi il talent show s’è un po’ mangiato tutto. I ragazzi nascono in cattività; vengono al mondo e pensano che il talent show sia sempre esistito e che la musica è quella cosa là, come il tg è le notizie e lo sport è lo sport. Ma quella non è la musica. Quello è business, soldi. Punto».

 

Dove sta il problema?

«Nell’ignoranza. Nel vuoto. Nella vanità. Io l’ho vissuto sulla mia pelle: un’esperienza horror».

 

Dispiaciuto per com’è finita ad “Amici”?

«Amareggiato, direi. La parola giusta per descrivere la mia disavventura? Mobbing. Più che suonare Bach, parlare di Endrigo, cantare George Michael, cosa potevo fare?».

 

In questa situazione, come vede il futuro?

«Portiamo la politica dove deve stare: nei talent-show. Facciamo votare la classe politica attraverso la formula del talent. Il futuro è questo. Ben oltre la P2. Sono convinto che vincerebbe Berlusconi».

 

Fonte: ilgiorno.it/milano/cronaca/morgan-1.3182444

Commenti (4) Visualizzazioni: 167

di Alessandro Alicandri

 

«Quando ero il quarto giudice, era tutto più facile. Mi accendevano e mi spegnevano con un'interruttore. Adesso, è tutta un'altra storia». Abbiamo incontrato Morgan pochi giorni dopo la puntata andata in onda l'8 aprile del serale di «Amici». Nei panni di direttore artistico dei bianchi sta incontrando delle difficoltà: un po' arrivano da parte dei ragazzi che soprattutto all'inizio vedevano con insofferenza le sue scelte («molto diverse da quelle che erano definite nel percorso del pomeridiano» ci ha poi raccontato Mike Bird) e che oggi, più o meno felicemente, stanno imparando ad accettare.

 

La difficoltà maggiore è invece quella con il pubblico dello studio che in più occasioni si è posto in maniera non amichevole e ha risposto con fischi e urla durante le sue narrazioni, quando mostra il suo modo di vivere e spiegare la musica che conosciamo già dai tempi di X Factor. La sua presenza in questo nuovo ruolo ha di certo dato un ritmo diverso al programma, mettendolo molto al centro dell'attenzione. Anche per questo motivo è stato criticato e la polemica che vede Morgan contro il pubblico, non si fermerà nella puntata in onda 15 aprile.

Leggi Tutto Commenti (12) Visualizzazioni: 666

 

ROMA - "SONO amareggiato e triste, è un lutto inaspettato. Come molti giovani degli anni Ottanta, come Prince, a 53 anni George Michael non aveva un'età adatta per la morte, mi aspettavo che producesse altre cose belle, perché era il più bravo di tutti. Ma anche sottovalutato. Gli voglio tanto bene, si merita un grande applauso".

 

Cos'è stato per la musica?

"Uno dei più grandi cantanti soul. Il primo disco degli Wham!, Fantastic, è un capolavoro di funky e uno dei primi dischi in cui si rintraccia il rap, una passione di Michael che pur avendo la faccia di un bianco aveva un'attitudine black. L'hanno confuso con la new wave, ma aveva più a che fare con Marvin Gaye che con i Cure".

 

I momenti che lo fotografano meglio.

" Listen without prejudice, uno dei primi venti album del soul. E un pezzo funky degli Wham! quasi commovente, A Ray of Sunshine, che parla di un giro di basso come di un raggio di sole, un ritornello che mi dà i brividi. Dal punto di vista della sua bravura, l'esecuzione di Somebody to love al "Tributo a Freddie Mercury": vedendolo chiunque capisce che era un grande. Di fronte a un portento incredibile come Mercury, Michael l'ha guardato in faccia e gli ha detto: adesso canto io, e lì per un attimo è scomparso Mercury, è diventato il palco di George Michael. David Bowie non c'era riuscito. Lo ricordo bene, perché ero nelle prime file: c'erano anche Elton John, i Metallica, Annie Lennox, Paul Young, gli Who, Michael diede una pista a tutti"

 

A 15 anni la riprese il Tg1 a un concerto di Michael a Milano.

"Era l'87, promuoveva Faith, chiesi a mia mamma di accompagnarmi all'Arena di Milano. Avevo preso i biglietti mesi prima. Conoscevo tutti i suoi pezzi, li suonavo, ho imparato la chitarra sui pezzi degli Wham!. Mi ero vestito in perfetto stile, con la giacca con le marsine. Arrivato lì vedo una troupe del Tg1 e così mi fiondo verso le telecamere e canto tutto Wham rap: si vede la voglia di farmi vedere, l'impegno, la pronuncia perfetta, insomma ero già bravino".

 

Si dice sia stato sottovalutato. Non da lei...

"Nell'83 quando è nata Videomusic avevo 11 anni, fino ad allora avevo guardato Jeeg Robot e Goldrake, quei cantanti erano simili, Nick Rhodes sembrava Actarus, i Thompson Twins con i capelli rossi erano manga, mi facevano tristezza i rockettari seri che venivano dagli anni 70 e che schernivano gli anni 80. Anche Michael sembrava il personaggio di un fumetto, invece dei fumetti cominciai a nutrirmi di album di musica".

 

Michael aveva una personalità complessa.

"Un solitario, una personalità schiva e delicata: negli ultimi dieci anni si è parlato di lui perché veniva trovato addormentato o in situazioni di alterazione chimica mentale, o in situazioni promiscue perché aveva perso il controllo. Mi faceva simpatia la sua voglia di mischiarsi, come Michel Foucault, Andy Warhol, come Pasolini".

 

Mick Jagger disse che era "un parrucchiere con velleità canore".

"Detto da un ragioniere sembra davvero il colmo. Jagger è stupido, andava con la coda tra le gambe a vedere le registrazioni dei Beatles per capire come facessero a fare cose così belle".

 

Fonte: repubblica.it

Commenti (12) Visualizzazioni: 546

di Edoardo Semmola

 

In scena l’11 settembre al cimitero di San Miniato: Morgan canterà con Cristiano De Andrè, poi Lavia, Baliani, Iaia Forte e l’Ort

«Se non ho più paura della morte è merito di Fabrizio De André, dell’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters, di quella “Collina” da dove i morti ti parlano della vita, del motivo per cui si vive e si muore, del senso. Per questo non vedevo l’ora, e sono dieci anni che ci penso, di cantare queste canzoni in un cimitero monumentale». Morgan è carico a molla: l’11 settembre «mi toglierò questo sassolino dalla scarpa che dal 2005 mi fa male ogni giorno». E sarà alle Porte Sante, tra le tombe di Collodi e Spadolini, Vasco Pratolini e Ottone Rosai, nell’omaggio cantato e recitato a Masters e De André per il centenario della pubblicazione della raccolta di poesie Antologia di Spoon River. Con lui il figlio di De André, Cristiano (sperando che nel frattempo risolva i problemi di salute che gli stanno facendo rimandare alcune date), l’Orchestra della Toscana e — grazie alla collaborazione tra Estate Fiorentina e Teatro della Pergola — un terzetto di attori di prestigio: Gabriele Lavia, Marco Baliani e Iaia Forte voci recitanti delle poesie corrispondenti alle canzoni.

Leggi Tutto Commenti (14) Visualizzazioni: 554



Tutti i diritti sono riservati - © 2010-2013 InArteMorgan.it - Copyright. - Contattaci.